Dipingere le pareti di casa: guida ai colori da scegliere

Hai appena acquistato casa e devi arredarla, oppure vuoi dare una ventata di freschezza agli ambienti? Iniziamo col dare personalità alla casa attraverso i colori delle pareti.

Alla fine quel momento è arrivato. Devi dipingere le pareti di casa e ti trovi di fronte a una sterminata palette di colori da scegliere per ogni singolo ambiente. Sono i colori che ti accompagneranno nel quotidiano e faranno da sfondo alla tua vita almeno per qualche anno, scelta impegnativa dunque, almeno per tre motivi:

• i colori interagiscono con il nostro modo di essere. Condizionano infatti il nostro umore e influenzano le nostre azioni quotidiane;
• i colori hanno il potere di dare più o meno luce e calore alla casa;
• i colori fanno sembrare un ambiente più grande o più piccolo.

Ti starai chiedendo: davvero i colori hanno tutto questo potenziale? Ebbene sì. Adesso potrai comprendere perché è così importante prendersi il tempo giusto per valutare con calma i colori delle pareti di casa.
Vediamo insieme quali sono fattori più importanti da considerare.

Il colore delle emozioni

Conosci le espressioni come “umore nero”, “verde d’invidia” o “vita grigia”? O perché ai funerali ci si vesta di nero e le spose di bianco? I colori dicono tanto di noi perché richiamano, con il loro valore simbolico e ancestrale, tutto il nostro mondo interiore, quello legato alle emozioni.

Con il “Test dei colori” del 1949, il filosofo e psichiatra svizzero Max Luscher non faceva altro che associare dei profili psicologici alla scelta dei colori: il grigio, come non-scelta e non-coinvolgimento, sarà il colore di quelli che allontanano sentimenti e passioni; di contro, il rosso stimola il sistema nervoso e l’apparato cardio-circolatorio, per cui sarà il colore degli individui passionali ed energici.

Anche la cromoterapia si basa su questi principi. Si tratta di una teoria secondo cui i colori possono influire positivamente o negativamente sul nostro benessere psico-fisico e viene perciò utilizzata per fini terapeutici.

Tutto questo per far capire quanto sia importante usare un colore piuttosto che un altro in un determinato ambiente all’interno delle nostre case:

Camera da letto: il verde e il blu creano l’atmosfera rilassante ideale per la notte e per il riposo. Sono i colori che richiamano la natura e il mare e facilitano il relax.

Studio: è un ambiente in cui concentrarsi e raccogliere le energie, allora perché non osare con un colore caldo ed energizzante come il giallo?

Soggiorno: è l’ambiente che si caratterizza per la sua funzione “sociale” ma anche quello dove ci si rilassa dopo una lunga giornata, quindi potremo optare per colori che suscitano allegria e ottimismo per favorire la socializzazione, come rosso e arancio, abbinati però a sfumature più neutre, come bianco, grigio o tortora per evitare un effetto eccitante per il sistema nervoso.

Cucina e bagno: per questi ambienti siamo meno vincolati nella scelta del colore. L’indicazione di massima per la cucina è quella di orientarsi verso tonalità più calde che richiamano la terra, per rendere l’ambiente in cui la famiglia si riunisce più accogliente e caloroso. Invece per il bagno tonalità più fredde e rilassanti, come tutte le sfumature di azzurro oppure il bianco, il colore della luce.

Colori che illuminano e scaldano

Colori “caldi” o “freddi” non è solo un modo di dire. Forse non tutti sanno che i cosiddetti colori caldi fanno percepire una temperatura più alta di circa 3-4 °C!
Quindi, a seconda della percentuale rispettiva dei tre colori primari (rosso, giallo e blu), otterremo toni caldi (giallo, rosso, arancione), freddi (verde, blu, viola) o neutri (grigio, bianco e beige), da selezionare in base all’esposizione alla luce della nostra casa:

Esposizione a Nord: le stanze esposte a Nord dovranno avere pareti dai colori caldi che contrastino la luce fredda;

Esposizione a Sud: le stanze a Sud ricevono luce diretta, consigliabili dunque tonalità fredde;

Negli ambienti poco illuminati invece, potrete optare per toni neutri che danno un tocco di luminosità in più.

Grande o piccolo: questione di colore

Prima di scegliere il colore delle pareti, bisogna tener conto anche delle dimensioni della stanza.
I colori chiari, avendo una buona componente di bianco, riflettono maggiormente la luce e danno quindi l’impressione che l’ambiente sia più ampio.

Al contrario, i colori scuri fanno sembrare gli ambienti più piccoli, quasi come se le pareti fossero ravvicinate.

All’occorrenza, potrete dosare colori chiari e scuri anche in relazione al soffitto: se troppo basso meglio dipingerlo con un tono chiaro, se troppo alto consigliabile una tonalità più scura.

Ora non resta che divertirti e giocare con i colori che ami di più!

Articoli recenti

23rwrfwrf
Come scegliere l’impianto di riscaldamento giusto

Il primo segreto per riscaldare bene la casa è scegliere la tecnologia più efficiente e adatta all’abitazione. Per semplicità, possiamo dividere i sistemi di riscaldamento in 3 macro categorie, ognuno con dei vantaggi e caratteristiche ben definite: – Impianto radiante a pavimento. Offre un riscaldamento omogeneo. È necessario considerare la differenza di quota tra la […]

Leggi tutto
Dipingere le pareti di casa: guida ai colori da scegliere

Hai appena acquistato casa e devi arredarla, oppure vuoi dare una ventata di freschezza agli ambienti? Iniziamo col dare personalità alla casa attraverso i colori delle pareti. Alla fine quel momento è arrivato. Devi dipingere le pareti di casa e ti trovi di fronte a una sterminata palette di colori da scegliere per ogni singolo […]

Leggi tutto